Italian English

Restaurants in Italy

Ristoranti nel mondo

Facebook Fans



Torino



Valleverde e la famosa mosca! (ATRIPALDA - AVELLINO) PDF Print
(1 vote, average 3.00 out of 5)
Written by Nicolò   
Tuesday, 15 February 2011 15:38

 

Ci siamo tornati casualmente alla trattoria Valleverde…

C’ero stato l’anno scorso, ma non lo ricordavo, così su indicazioni della Slow Food (la nostra bibbia bel mangiar bene) me la sono ritrovata davanti una seconda volta.

Non ero contento perché per tornare una seconda volta nello stesso ristorante, a mio vedere, devi esserti trovato veramente bene la prima volta e, questo, non era proprio stato il mio caso.

Vedendo la quantità di segnalazione sulla porta mi sono per un attimo rilassato,  evidentemente la prima volta era andata male, “ma una serata storta può capitare a tutti” è il pensiero che come un lampo ha attraversato il mio cervello mentre entravo. Sì, purtroppo è durato solo il tempo di aprire la porta e assistere alla totale mancanza di attenzione dei camerieri. Ci hanno lasciato in piedi un paio di minuti non degnandoci di nessuna attenzione e quando gli abbiamo spiegato che avevamo una prenotazione ci hanno detto di sederci dove volevamo.

“In fondo è una trattoria” devo aver pensato guardando non del tutto convinto la grande scritta valleverde attaccata al muro, “Aspettiamo e vediamo”.

Dopo qualche minuto il cameriere ci degna di attenzione e ci decanta le lodi del menù e qui mi sono proprio innervosito: passi per la mancanza di cartaceo (ottimo modo, a mio vedere, di ingannare la gente), ma mai mi era capitato di essere volontariamente indirizzato sui piatti come in questo caso. Vi elenco le strabilianti meraviglie del menù, e le nostre conseguenziali scelte: antipasto misto (buone le ricottine e ottimi i salumi, invece la mozzarella se la compravo al discount era meglio), un gateaux di patate e un piatto di peperoni e patate (con tanto di classico moscerino affogato dentro);  due zuppe, io ho preso quella di fagioli, porcini e castagne che era veramente insipida (ma le castagne ve le siete scordate?) e un piatto di fusilli con ragù e pecorino scelti dal mio collega Francesco che non erano male. I secondi non si sono sprecati neanche a dirceli e di rimando noi non li diremo a voi.

I dolci poi erano mediocri, in linea con  il complesso: quando trovo un tiramisù come quello mangiato a Valleverde non capisco proprio come si possa mal eseguire un dolce così elementare se non sfoggiando tutta la propria disattenzione per il cliente; la mousse alla nocciola l’ho lasciata perché proprio non era il caso.

Infine, tanto per non farci mancare nulla, hanno ben pensato di portarci una solo ricevuta nonostante la richiesta del conto diviso due con due ricevute (problema poi fortunatamente risolto). Ma ormai di stupore sul mio volto non c’era più traccia. La serata aveva preso la sua direzione.

Insomma Valleverde è una trattoria normale, come se ne trovano tante. Se è finita nelle delusioni è perché in una trattoria casereccia ti aspetti attenzione per il cliente e prezzi accettabili (non 60 euro per un antipasto, due primi, due dolci e una mezza brocca di vino della casa). Poi se rimugino a tutte quelle segnalazioni sulla porta mi viene da pensare che ci sono dei ristoranti che devono proprio avere dei santi in paradiso…

 

Valleverde

SERVIZIO: Piuttosto scarso

PARCHEGGIO: sul ciglio della strada

PREZZO: 30-35 euro

CHIUSURA: la domenica

INDIRIZZO: Via Pianodardine 112 - ATRIPALDA - AVELLINO

TEL 0825626115



Condividi!!
 
Last Updated on Monday, 14 March 2011 11:34